CAIO VALERIO CATULLO. Carmina. Presso la tomba del fratello (CI)

Multas per gentes et multa per aequora vectus
   Adevnio has miseras, frater, ad inferias,
Ut te postremo donarem munere mortis
   Et mutam nequicquam adloquerer cinerem,
Quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum,
   Heu miser indigne frater adempte mihi.
Nunc tamen interea haec prisco quae more parentium
   Tradita sunt tristi munere ad inferias,
Accipe fraterno multum manantia fletu,
   Atque in perpetuum, frater, ave atque vale.

Portato per molte genti e per molti mari
   Sono giunto, fratello, a queste meste offerte funebri,
Per donarti l'estremo dono di morte
   E per parlare invano col tuo cenere muto
Dal momento che la sorte mi ha strappato proprio te,
   OhimŔ infelice fratello ingiustamente strappatomi.
Ora tuttavia intanto accogli quelle cose che secondo l'antica consuetudine degli avi
   Sono a te offerte in triste tributo come sacrificio funebre,
Accoglile grondanti assai di pianto fraterno,
   E per sempre, fratello, addio.

| home |

| versioni di latino |


Pagina aggiornata il 12.11.04
Copyright 2000-2008 Valentino Sossella