copertina libroJoseph E. Stiglitz, l'eminente economista già premio Nobel, ha auspicato, in un suo recente libro, l'avvento di una società dell'apprendimento. Chiaro, gli economisti non vanno tanto per il sottile. Orientano la loro attenzione su tutto ciò che è misurabile, standardizzabile e formale. Sono comunque persuaso che quello dell'apprendimento sia un tema fondamentale per la nostra e per le società a venire. Come sono convinto che in futuro l'apprendimento dovrà essere continuo, diffuso, personalizzato e non monopolizzato da una sola agenzia. Un apprendimento che potrebbe svolgersi anche (soprattutto?) fuori  dai circuiti istituzionali e formali.

Ben vengano perciò manuali come questo di Franco Cambi, professore ordinario di Pedagogia generale presso l'università di Firenze, che riassumono con perizia il dibattito culturale che, lungo l'intero arco di un secolo, si è sviluppato intorno ad argomenti cruciali come l'apprendimento, l'istruzione, la formazione, l'educazione. L'autore traccia una mappa precisa delle idee, dei concetti, delle visioni e delle personalità più significative del secolo che immediatamente ci precede, consentendo anche al lettore comune di farsi una idea precisa di cosa siano le scienze dell'educazione e la pedagogia.

Protagonisti di questo interessante viaggio sono Dewey, Freinet, Montessori, Gentile, Gramsci, Freire, don Milani, Piaget, Vygotskij, Bruner, Gardner, Illich, Morin, Popper. Soltanto per citare i più famosi

Un testo stimolante, che apre la mente del lettore a nuove visioni del mondo e a nuovi interrogativi, favorendone la maturazione umana, civile e intellettuale.

acquista in versione ebook

I libri di Franco Cambi