Paolo Lagorio, Come si legge un testo letterario, Bompiani, 1988

C
r
i
t
i
c
a

l
e
t
t

Presentato da Maria Corti, indirizzato a studenti e insegnanti , ma utilizzabile anche dai cultori della materia, il saggio di Paolo Lagorio Ŕ uno strumento utile per chi voglia cogliere con maggior precisione le molteplici valenze e la complessitÓ di un testo letterario.

Il libro insegna a considerare i vari livelli testuali (tematico, simbolico, ideologico, stilistico o discorsivo, morfosintattico, lessicale, fonico-timbrico, ritmico, metrico); traccia le definizioni di lettore ideale, possibile, reale e di lettore-critico; illustra le diverse prospettive critiche a partire dalle quali affrontare l'esame di un'opera letteraria (metodo storico, critica sociologica e critica marxista, critica psicoanalitica, critica stilistica, critica semiotica, che Ŕ poi il metodo per il quale l'autore sembra propendere); introduce alla retorica antica (con l'inventio, la dispositio, l'elocutio, la pronuntatio, la memoria e le varie figure retoriche usate per abbellire un testo: allitterazione, antitesi, chiasmo, climax ascendente e discendente, comparazione, ellissi, inversione, iperbole, ironia, iterazione, litote, metafora, metonimia, ossimoro, paronomasia, preterizione, sineddoche, zeugma) e alla sua importanza per lo scrittore e il lettore contemporanei; spiega la differenza fra lingua letteraria e linguaggio quotidiano.

Molti i riferimenti bibliografici per chi voglia approfondire la propria conoscenza dei metodi di analisi testuale adottati dalla critica letteraria.

| home |

| leggere |

 

Pagina aggiornata il 08.04.01
Copyright 2000-2008
Valentino Sossella