HOME | SPORT |

Giampiero VENTURA

 Genova, 14-1-1948

ANNO

SQUADRA

SERIE

POSIZIONE

1976-79

SAMPDORIA GIOV.

--

1979-81

SAMPDORIA ALL.2a

--

1981-82

RAPALLO INT/E

13

1982-83

ENTELLA INT/E

4

1983-84

ENTELLA INT/E

5

1984-85

ENTELLA INT/E

1 PROMOSSO

1985-86

ENTELLA

C2

5

1986-87

SPEZIA

C1

12a ESON.

1987-88

CENTESE

C1

16

1988-89

CENTESE

C1

16 RETR.

1989-90

PISTOIESE

INT/E

2

1990-91

PISTOIESE

INT/E

1 PROMOSSO

1991-92

PISTOIESE

C2

4

1992-93

GIARRE

C1

4

1993-94

VENEZIA

B

6

1994-95

VENEZIA

B

ESON. SUB. ES.

1995-96

LECCE

C1

1 PROMOSSO

1996-97

LECCE

B

3 PROMOSSO

1997-98

CAGLIARI

B

3 PROMOSSO

1998-99

CAGLIARI

A

12

1999-00

SAMPDORIA

B

5

2000-01

inattivo

--

--

2001-02

UDINESE

A

14

2002-03

CAGLIARI

B

8

2003-04

CAGLIARI

B

16a. ESON.

2004-05

NAPOLI

C1

19a. ESON.

2005-06

MESSINA

A

SUB. 17

2006-07

VERONA

B

SUB. RETROC.

2007-08

PISA

B

6

2008-09

PISA

B

ESON.

2009-10

BARI

A

10

Tantissima gavetta per Giampiero Ventura, ma il lavoro e la costanza premiano sempre. Anche per lui, dunque, arrivata la soddisfazione di un ottimo campionato di serie A. Nel 2009/2010, sotto la sua guida, il Bari ha raggiunto i 50 punti in serie A, stabilendo il proprio record di punti nella massima serie.  La squadra pugliese si classificata al decimo posto in campionato, ma soprattutto ha espresso un gran bel gioco, che le valso tanti complimenti da parte di tutti gli addetti ai lavori.

Classe '48, che fa di lui il mister pi vecchio della serie A, Ventura ha iniziato la sua  carriera di allenatore nel 1981 sulla panchina del Rapallo Ruentes, nel campionato Interregionale. Dopo il Rapallo, ha continuato il suo apprendistato nei campionati minori

Nel 1995 viene chiamato dal Lecce, nobile decaduta che milita in C 1 e con i salentini conquista due promozioni consecutive, dalla C alla A. Nonostante ci non viene confermato. Riparte dalla B alla guida del Cagliari; con i sardi conquista un'altra promozione e finalmente esordisce in A nel campionato 1998/1999, riuscendo, alla fine del torneo, a conquistare una tranquilla salvezza.

In quegli anni il suo modulo di gioco all'italiana, difesa a tre col libero, un regista e due mezze ali a centrocampo. In avanti schiera di solito due punte supportate da un'ala destra veloce e guizzante. Ventura cura attentamente la fase difensiva, ma ama il gioco d'attacco, sfruttando molto le fasce, su cui mette sempre uomini veloci, che saltano l'uomo e sanno crossare.

Dal 1999 al 2007 non attraversa un periodo brillante; siede su varie panchine:  Sampdoria, Udinese, ancora Cagliari, Napoli, Messina e Verona, ma rimane al timone delle squadre, che chiamato ad allenare, per pochi mesi, al massimo una stagione.

Il suo calcio appare vecchio e prevedibile e lui allora abbandona i vecchi schemi, si aggiorna e sperimenta nuove tattiche, che lo riportano in alto con lo splendido campionato 2007/2008 giocato a Pisa, dove conquista i playoff, che perde. Il 4-2-4 con cui gioca adesso per puro spettacolo per il calcio.

Difesa sempre solida, ma stavolta in linea, con due centrali molto fisici e due esterni che sanno coprire e spingere; centrocampo con due uomini, un mediano che ruba palloni e randella e un regista dai piedi buoni che imposta il gioco. Ma il bello la davanti: due punte e due esterni di fascia velocissimi, abili nel cross e negli inserimenti.

Questa sua nuova giovinezza e spregiudicatezza lo hanno riportato in A dove ci  auguriamo resti a lungo, continuando a regalarci per altri anni ancora il suo spumeggiante calcio-spettacolo.

Pier Luigi Usai
(maggio 2010)