Jorge Valdano, Il sogno di Futbolandia. appunti di vita e di calcio, Mondadori, 2004

 
copertinaRicordo Valdano attaccante di molto talento nel Real Madrid degli anni Ottanta. Mi dicono sia diventato poi dirigente e allenatore. Lo ritrovo oggi scrittore. E che scrittore!

Il sogno di Futbolandia Ŕ davvero un gran bel libro, che con acume e precisione e con stile impeccabile ci parla del mondo del calcio e dei suoi storici protagonisti. Una sorta di Vite parallele, che invece degli eroi dell'antichitÓ ha per oggetto i pi¨ grandi calciatori degli ultimi cinquant'anni, intorno ai quali Valdano ci racconta gustosissimi aneddoti, che servono per scolpirne, con grande finezza psicologica, il carattere.

Per riuscire in questo Valdano dimostra di conoscere non solo il calcio, ma la vita stessa. Uno scrittore spagnolo, parlando di Valdano, lo definisce "Il pallone fattosi verbo", mentre un altro grande della letteratura spagnola contemporanea, Manuel Vazquez Montalban, ne parla come del "Benedetto Croce del calcio universale".

A Valdano piace il calcio spettacolare, il calcio che non si concentra sul risultato, ma sul bel gioco. Il calcio che sa farsi epica, poesia, leggenda, non quello che mira esclusivamente al profitto. Insomma Valdano predilige il calcio che piace ai veri sportivi.

Partendo da queste premesse, Ŕ inevitabile che egli avanzi qualche riserva (e qualche biasimo) per il calcio italiano, rinunciatario, difensivista, ispirato pi¨ dalla paura che dall'avventura e dal sogno, anche se non risparmia apprezzamenti per Baggio e Del Piero, per Paolo Maldini e per Scirea, nonchÚ per Arrigo Sacchi, allenatore di quel Milan che giocava "come si gioca in paradiso".

La sua ammirazione va a PelÚ, archetipo del campione che appartiene all'eternitÓ, "con un corpo che si adattava armoniosamente al movimento capriccioso della sfera" e di cui non sapevi mai "se PelÚ saliva dalla terra o scendeva dal cielo per colpire il pallone in piena fronte con il portiere come vittima e la rete come destinazione finale"; a Maradona, grandissimo genio e sregolatezza del calcio, di cui il suo medico RubÚn Oliva soteneva che allenarlo era superfluo: "Maradona Ŕ come un gatto. Gli basta nutrirsi e riposare per essere il migliore"; a Zidane, "un elefante col cervello di una ballerina"; a Zico, dal fisico gracile, ma "il miglior giocatore del Brasile per tutta la decade degli anni Settanta"; a Cruyff, "una figura immensa... era il miglior libero, il miglior laterale, il miglior centrocampista e il miglior attaccante che abbia mai visto", uno che giocava e viveva al 100%.

Sfilano poi nel libro l'astuto Romario, l'esuberante Ronaldo, il "Loco" Higuita, l'esplosivo Roberto Carlos, l'intelligente Rivaldo, il classico Valderrama, il "tuttocampista" e anarchico Veron, il glaciale Bergkamp, il "pitbull ispirato" Davids. Tantissimi campioni, tutti i migliori "pensatori con i piedi" della storia del calcio pi¨ recente.

Un capitolo Ŕ dedicato a tecnici, allenatori e strategie e non mancano le notazioni, acute, di carattere sociologico sul fenomeno calcio. Impreziosiscono le pagine i numerosi, quanto pertinenti, riferimenti letterari.

Insomma un libro che pu˛ essere apprezzato non soltanto dal tifoso di calcio sfegatato, ma anche dal lettore esigente, colto e curioso.

ordina

 | home |

| sport |


Pagina aggiornata il 25.06.08
Copyright 2000-2016 Valentino Sossella