COMICIT└ E UMORISMO
Il riso, questa compulsione fisica a tutti nota, Ŕ prodotta dallo spettacolo inaspettato della nostra superioritÓ sugli altri.
(T. Hobbes)

Ridere Ŕ la religione del nostro tempo, e ogni fatica sembra un'offesa al buonumore.
(M. Lodoli, Il rosso e il blu)

[...] c'Ŕ una razza particolare di gente che si dedica in modo speciale al mettere in burletta ogni manifestazione della vita; costoro non possono passare nemmeno davanti a un affamato o a un suicida senza dire una volgaritÓ.
(A. Cechov, Racconto di uno sconosciuto)

Ridendo dicere verum.
(Dire la veritÓ ridendo)
(Orazio)

Risus abundat in ore stultorum.
traduzione: Il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi.
(Menandro)

Sono convinto che sia meglio fare dieci cose male, piuttosto che una sola bene: questo per assaporare la vita piuttosto che essere un cretino specializzato.
(G. Gnocchi)

Ges¨ non ha mai riso.
(G. Le Vavasseur)

La pi¨ perduta delle giornate Ŕ quella in cui non si Ŕ riso.
(N. de Chamfort, Massime e pensieri)

 | home |

| zibaldone |

Pagina aggiornata il 16.01.17
Copyright 2000-2017 Valentino Sossella