ARTE

La vita è così orribile che la si può sopportare soltanto fuggendola. E lo si fa vivendo nell'arte.
(G. Flaubert)

Dove trovate un italiano bastantemente colto che vi parli come vi parlo io dell'arte? La grande maggioranza degli uomini educati non ne capisce niente, ma si guarda molto bene del confessarlo. È curioso di star ad ascoltare un gruppo di questi sciocconi ipocriti davanti ad un quadro o a una statua, quando fanno una fatica del diavolo per metter fuori dell'ammirazione, credendo ciascuno di aver a che fare con degli intelligenti. Se potessero levarsi la maschera tutti ad un tratto, udreste che risata!
(A. Fogazzaro, Malombra)

Si dipinge col cerviello et non con le mani.
(Michelangelo Buonarroti, Lettere)

L'arte come la concepisco e come non arrivo a farla io, è cosa altamente e perfettamente [...] aristocratica.
(G. Carducci, Schermaglie di letteratura)

Il cinema di oggi? Diminuiscono gli spettatori ma aumentano i registi.
(F. Scarpelli)

L'arte è influenzata dalla storia dell'arte. [...] L'arte ha bisogno di calma, di riposo, di silenzio, di concentrazione, di sicurezza.
(T. Scialoja)

[...] Se si parla di pittura sono d'obbligo Magritte, Permeke e, subordinatamente, Topor. Da evitare Picasso, e persino Pollok, forse anche Rauschenberg e Wahrol. Ammessi invece Kandinsky e Klee; semmai un patetico ricordo di Cy Twombly del periodo romano. Ottimo è, per l'Ottocento, confessare un debole per De Nittis e Boldini, persino per Michetti, e ovviamente per Fattori. Si va sempre bene ora con Boccioni, Balla, il primo Carrà. Fra gli scultori, con Moore non si sbaglia mai; glissare su Manzù e semmai ostentare una qualche nostalgia per Medardo Rosso. Se si parla di musica, evitare gli ovvi entusiasmi per Bach, Beethoven, Mozart; Debussy è sempre ottimamente quotato. Con Mahler si va sul sicuro. Ma Schonberg, la dodecafonia, e persino Nono sono argomenti rischiosi, meglio evitare. Ora si è invece tranquilli con Respighi. All'ovvio Verdi è sempre preferibile Donizetti, se non addirittura Puccini. Con Rossini non si sbaglia mai.
(L. Canali, Manuale ad uso degli scrittori esordienti)

In arte non è bello quel che piace, ma è bello quel che è bello.
(R. Persichetti)

L'arte si occupa sempre e soltanto della vita. Cosa facciamo nell'arte? Resuscitiamo la vita.
(V. Sklovskij)

Un quadro, un racconto o un romanzo sono impressioni dirette della vita. 
(H. James, La lezione dei maestri)

Il compito della democrazia, nel campo dell'arte, è di proteggere l'elitarismo.
(R. Hughes, La cultura del piagnisteo)

Adesso posso dire che l'arte è una stupidaggine.
(A. Rimbaud, sulla minuta di Una stagione all'inferno)

L'arte è una delle cose messe in circolazione per colmare il vuoto lasciato nella mente dei popoli dal declino delle religioni.
(A. Huxley)

Noi non scriviamo per il popolo. Qualsiasi tipo di arte si rivolge solo all'aristocrazia intellettuale di una nazione.
(G. de Maupassant)

La verità senza interpretazione è inutile come l'oro falso. E l'arte è l'interprete per eccellenza.
(L. Strachey)

Il Ventesimo secolo non era interessato né alle impressioni né alle emozioni, era interessato alle concezioni e da questo è nata la pittura del ventesimo secolo.
(G. Stein)

L'artista è chimico, fisico, architetto, soldato, pazzo...
(F. Depero)

I muri dei palcoscenici trasudano rancore.
(L. Ridenti)

Il fotografo in Italia è considerato fratello del pittore.
(L. Longanesi)

Tutti gli uomini recitano, tranne alcuni attori.
(Ionesco)

Dedicare un'esistenza breve a banalità mendaci o effimere è una vera e propria"exspense of spirit" ("dilapidazione dello spirito"). C'è già così poco tempo nella nostra vita per ciò che travolge e muta giustamente la nostra coscienza. I giochini intellettuali sull'importanza relativa, sulla forza vivificante, per esempio della Missa solemnis, da una parte, e dell'ultima canzone pop di successo, dall'altra, impoveriscono sia l'esistenza dell'individuo sia la società.
(G. Steiner, Grammatiche della creazione)

L'arte è l'espressione più eccelsa di un'aritmetica interiore e inconscia.
(G.W. Leibniz)

L'opera d'arte è un'equazione: c'entra l'intuizione pura, la preparazione culturale, l'esperienza etica e che so io (forse anche fattori empiricissimi). C'entra anche un poco il coup de foudre, la grazia.
(E. Montale, lettera a S. Solmi del 15 aprile 1922)

Il vero artista è sempre attuale, sempre originale, sempre engagé anche se non sa di esserlo.
(E. Montale, lettera inviata a Luigi Russo il 5 gennaio 1957)

[La vita] è brutale, incoerente, sconnessa, piena di catastrofi inesplicabili, illogiche e contraddittorie [...] La vita inoltre lascia tutto sullo stesso piano, fa precipitare i fatti o li trascina indefinitamente. L'arte, invece, consiste nell'usare precauzioni e preparazioni, nel predisporre transizioni sapienti e dissimulate, nel mettere in piena luce, attraverso la pura abilità della composizione, gli avvenimenti essenziali, conferendo a tutti gli altri il rilievo adeguato.
(R.L. Stevenson, lettera a H. James 8 dicembre 1884, in James e Stevenson, Amici rivali)

La prima qualità dell'Arte è l'illusione.
(G. Flaubert, lettera a L. Colet del 16 settembre 1853)

La missione dell'arte non consiste nell'imitare la natura, ma nell'esprimerla.
(H. de Balzac, Il capolavoro sconosciuto)

Noi abbiamo l'arte per non perire a causa della verità.
(F. Nietzsche, La volontà di potenza)

Nulla è bello fuorché il vero, solo il vero è amabile.
(N. Boileau, Epistola IX)

L'uomo è un altro Dio [...] in quanto creatore del pensiero e delle opere d'arte.
(N. Cusano)

Il vero contenuto dell'opera d'arte è la sua forma.
(H. Focillon)

Dipingo con il pene.
(Renoir)

L'arte è ricerca continua, assimilazione delle esperienze passate, aggiunta di esperienze nuove, nella forma, nel contenuto, nella materia, nella tecnica, nei mezzi.
(B. Munari)

Un'arte senza una critica parallela muore.
(E. Montale)

"Credi a me, Peter. Fidati. Non sarò Dio ma sono Michelangelo Antonioni".
(M. Antonioni all'attore P. Bowles durante le riprese di Blow-Up, riportato in J. Salter, L'arte di narrare)

La musica è la lingua che mi permette di comunicare con l'aldilà.
(R. Schumann)

L'espressionismo è il movimento spirituale che mette la nostra esperienza interiore al di sopra della vita esteriore.
(definizione raccolta da una rivista da A. Strindberg)

| home |

| zibaldone |

Pagina aggiornata il 22.03.19
Copyright 2000-2019 Valentino Sossella